MEDDI FRANCO

Professore Associato 
Settore scientifico disciplinare di riferimento  (FIS/01)
Ateneo Università degli Studi di ROMA "La Sapienza" 
Struttura di afferenza Dipartimento di FISICA 
Recapiti Elenco recapiti telefonici
E-Mail franco.meddi@roma1.infn.it
E-Mail franco.meddi@uniroma1.it

Orari di ricevimento

Lunedì 14:00 - 15:00 Martedì 14:00 - 15:00 Mercoledì 14:00 - 15:00 Giovedì 14:00 - 15:00 Venerdì 14:00 - 15:00

Curriculum

http://www.roma1.infn.it/~meddif/FMeddi_CV_200314.pdf
Curriculum vitae
Laureato in Fisica nel 1974. Professore Associato dal 1992 presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Roma "La Sapienza".
Nella stessa Università: 1975/1980 titolare di Assegno di formazione Scientifica e Didattica del Ministero della Pubblica Istruzione; 1980/1992 Ricercatore Universitario confermato di ruolo. In congedo dall'Università ho lavorato al CERN come "Scientific Associate" (2000-2001). Dal 1977 Associato alla Sezione di Roma dell'INFN con Incarico di Ricerca.
Dal 2002 al 2013 sono stato responsabile del gruppo ALICE della Sezione INFN di Roma.
Ho svolto e continuo a svolgere la mia attività scientifica nei campi della fisica nucleare e delle particelle elementari in numerose Collaborazioni Internazionali (NA19, WA71, WA75, NA34-HELIOS, EMU09, NA34-2, NA34-3, WA97, NA57, WA95-CHORUS, ALICE , JLAB12), lavorando non solo presso il Dipartimento di Fisica di Roma ma anche presso vari Laboratori di Ricerca Internazionali: in Europa (CERN, Ginevra), negli Stati Uniti (Berkeley, Brookhaven, Jefferson Laboratory). Gli argomenti di ricerca in fisica sono stati: proprietà di particelle costituite da quark pesanti (Charm e Beauty), oscillazioni di neutrini, materia adronica in condizioni estreme (Quark Gluon Plasma) tramite collisioni di nuclei pesanti ultrarelativistici.
Ho contribuito allo sviluppo ed alla realizzazione di rivelatori al silicio per il tracciatore interno (ITS) dell'esperimento ALICE a LHC-CERN. In particolare, ho lavorato sui rivelatori di tipo PIXEL e sui rivelatori a deriva di silicio (Silicon Drift Detector). Questa attività ha riguardato anche la fase di ricerca e sviluppo (RD19-CERN). In tale modo ho potuto acquisire una notevole esperienza sperimentale, maturando ottimi rapporti di collaborazione scientifica con ricercatori sia italiani sia stranieri. In questi ultimi anni partecipo all’upgrading dello spettrometro SBS al Jefferson Laboratory (Virginia-USA) per il nuovo fascio di elettroni da 12 GeV con la costruzione di due piani di rivelatori ad alta risoluzione al silicio con segmentazione di tipo microstrip (con passo 50 micron) da abbinare ai piani di rivelazione basati su tecnologia GEM.
A partire dal 2005 ho iniziato a collaborare a vari programmi di Ricerca e Sviluppo (R & D) di rivelatori per singolo fotone basati su tecnologia SiPM ed alle loro applicazioni in fisica medica ed in astrofisica. In particolare, nel campo della fisica medica ho studiato nuove soluzioni per la PET basate appunto su rivelatori al silicio di tipo SiPM (progetti: AXPET-CERN e TOPEM-INFN).
Dal 2009 collaboro con un gruppo di astrofisici del Dipartimento di Fisica di Roma “La Sapienza” allo sviluppo della strumentazione necessaria per lo studio di PULSAR. Si tratta di un originale fotometro veloce a piu’ canali basato su tecnologie SiPM, e su elettronica di processamento dei segnali, da me importata dal campo delle alte energie a quello della astrofisica.
- Dal 1993 al 2002 sono stato docente di "Laboratorio di Fisica" per il C.d.L. in Biologia e di "Cibernetica Applicata" per il C.d.L. in Fisica.
- Dal 2003 al 2009 sono stato docente di "Elettronica Digitale" e di "Laboratorio di Elettronica e Robotica" per il C.d.L. triennale in Fisica, di "Elettronica Digitale 2" per la Laurea Specialistica in Fisica.
- Dal 2009 al 2010 sono stato docente di "Elettronica Digitale 2 " per la Laurea Specialistica in Fisica e di "Laboratorio di misure e Analisi Dati" per la Laurea Specialistica in Tecnologie per la Conservazione ed il Restauro dei Beni Culturali. Sino al 2015 sono stato docente del corso di "Laboratorio di misure e Analisi Dati" per la Laurea Specialistica in Scienze Applicate ai Beni Culturali ed alla Diagnostica per la loro Conservazione.
- Dal 2010 a tutto oggi sono docente del corso di Laboratorio di Meccanica per studenti della Laurea Triennale in Fisica e docente del corso di "Elettronica Digitale" per la Laurea Specialistica in Fisica.
- Sono stato relatore di oltre 20 Tesi di Laurea in Fisica sia del vecchio ordinamento quadriennale, sia della nuova Laurea Specialistica. Sono stato relatore anche di numerose Dissertazioni triennali in Fisica. Sono stato infine relatore di una Tesi di laurea Magistrale in Scienza dell’Informazione e di una Tesi di laurea Magistrale in Scienze Applicate ai Beni Culturali ed alla Diagnostica per la loro Conservazione.
Nel triennio 2015-2017 sono stato sia referee (2), sia advisor (1) delle seguenti tesi di dottorato di ricerca:
- Luca Federici, “A soft core based computational architecture for the liquid krypton calorimeter real time trigger generation in the NA62 experiment at CERN”, Dottorato in Ingegneria dei Sistemi Sensoriali e di Apprendimento – Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Università di Roma Tor Vergata, (8 Aprile 2015). In qualità di referee.
- Matteo Turisini, “The Clas12 Rich readout electronics design, development and test”, Dottorato in Fisica, Università di Ferrara, (22 Dicembre 2016). In
qualità di referee.
- Filippo Ambrosino, “Detecting faint periodic signals in the Galaxy: ground based instrumentation for direct imaging and high speed photometry in optical band”, Dottorato in Astronomia, Astrofisica e Scienza dello spazio, Università di Roma Sapienza e Università di Roma Tor Vergata. (19 Dicembre 2016). In qualità di co-supervisor.
- Sono attualmente co-advisor di una tesi di dottorato di ricerca in Fisica di Fulvio De Persio (da novembre 2016) presso l’Università di Siena, dal titolo:"Development, characterization and test of silicon
microstrip detectors for the JLab HallA SBS spectrometer and for a high energy photon polarimeter for astrophysics".