SPIRITO GIANPAOLA

Ricercatore a tempo determinato Legge 240/10 
Settore scientifico disciplinare di riferimento  (ICAR/14)
Ateneo Università degli Studi di ROMA "La Sapienza" 
Struttura di afferenza Dipartimento di ARCHITETTURA E PROGETTO 
Recapiti Elenco recapiti telefonici
E-Mail gianpaola.spirito@uniroma1.it

Orari di ricevimento

Il giovedì alle 15.00 presso il Dipartimento di Architettura e Progetto, via Flaminia 359. L'appuntamento va concordato preventivamente con il docente contattandolo al suo indirizzo mail.

Curriculum

Gianpaola Spirito è dottore di ricerca in Composizione architettonica (Teorie dell’architettura) dal 2006.
Dal 2006 al 2018 è professore a contratto ICAR14 presso la Facoltà di Architettura dell’Università Sapienza di Roma. Dal 2006 ad oggi partecipa a gruppi di ricerca presso il Dipartimento di Architettura e Progetto della stessa università e dal 2008 al 2015 è vincitrice di quattro assegni di ricerca.
Nel 2017 ottiene l’Abilitazione Scientifica Nazionale al ruolo di Professore di Seconda Fascia nel settore scientifico disciplinare 08/D1.
Dal 2012 è corrispondente internazionale della rivista “DCpapers” - publicación del Departamento de Composición Arquitectónica de la ETSAB, Barcelona – e membro della segreteria editoriale della rivista “Rassegna di Architettura e Urbanistica”.

Attività Didattica (Ultimi 5 anni)
- Nel 2018-2019 è titolare del Laboratorio di Progettazione architettonica I - ICAR 14 - cfu 12, Corso di Laurea in Architettura a ciclo unico - Facoltà di Architettura - Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
- Nel 2017-2018 è professore a contratto in: Analisi del progetto a scala edilizia - ICAR 14 - cfu 8, Corso di Laurea Gestione del Processo Edilizio Project Management- Facoltà di Architettura - Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
- Nel 2016-2017 è professore a contratto in: Laboratorio di progettazione architettonica II - ICAR 14 - cfu 12, Corso di Laurea in Architettura a ciclo unico - Facoltà di Architettura - Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
- Nel 2015-2016 è professore a contratto in: Teoria della ricerca architettonica contemporanea - ICAR 14 - cfu 8 - ore 100 - Corso di Laurea in Architettura a ciclo unico - Facoltà di Architettura - Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Attività di ricerca (Ultimi 5 anni)
Dal 2016 fa parte del gruppo di ricerca Tra Monte Mario, Ponte Milvio, Villa Glori e Porta del Popolo. Analisi urbane e strategie di progetto per il quartiere Flaminio, distretto culturale di Roma, Ricerca di Ateneo 2016 - Responsabile scientifico Prof. Piero Ostilio Rossi, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Dal 2013 al 2015 è stata membro dell’Unità di Ricerca di Roma del PRIN 2013-2015 - RE-CYCLE ITALY. Nuovi cicli di vita per architetture e infrastrutture della città e del paesaggio, Responsabile scientifico dell’Unità di Roma Prof. Piero Ostilio Rossi; Coordinatore nazionale Prof. Renato Bocchi - IUAV Venezia.
I principali temi di ricerca sviluppi di questi ultimi anni e oggetto di monografie, saggi e articoli pubblicati su libri e riviste sono:
- Il vuoto come spazio di relazione tra architettura e città, trattato nelle monografie In-between places. Forme dello spazio relazionale dagli anni Sessanta ad oggi, (Quodlibet, Macerata, 2015) e Forme del vuoto. Cavità, concavità e fori nell’architettura contemporanea, (Gangemi, Roma 2011).
- Il progetto di riuso e di trasformazione del patrimonio architettonico esistente, come emerge dai saggi Penisola Iberica: restauro come trasformazione; lettura e interpretazione come metodo (1980-2014) (Rassegna di architettura e urbanistica n. 145, 2015), e Cinque strategie di riciclo, (“Re-Cycle Italy” n. 19, Aracne, Roma 2016).
- Gli strumenti e i metodi del progetto architettonico del XXI secolo, tema affrontato nella monografia su Alberto Campo Baeza, (Libria, Melfi 2017) e in numerosi saggi: Atelier Peter Zumthor e RCR Architectes. Spazio ai sogni, (Rassegna di architettura e urbanistica n. 155, 2018); Un gioco di intagli - Francisco e Manuel Aires Mateus, Facoltà di Architettura a Tournai, Lovanio, Belgio, (Casabella n. 879, 2017); Il Centro d’Arte Contemporanea a Cordoba di Nieto e Sobejano: un gioco di specchi e di spazi, (Rassegna di architettura e urbanistica n. 147, 2015); Le rovine come possibilità poetica per l’architettura contemporanea, (DC Papers n. 24, Barcellona, 2012); La magia del reale nelle architetture di Peter Zumthor, (Rassegna di architettura e urbanistica n. 127/128/129, 2009).

Questi temi sono stati sviluppati anche partecipando a convegni e seminari di studio, a workshop di progettazione e a concorsi di architettura nazionali e internazionali.